Scegliere i Condizionatori d'Aria

Scritto da Valeria in: Suggerimenti e consigli , Articoli recenti , Impiantistica

Scegliere i Condizionatori d'Aria

La stagione avanza e anche se negli ultimi giorni è l’acqua farla da padrona nella maggior parte d’Italia, noi continuiamo la nostra preparazione alla stagione calda che come al solito arriverà in 24 ore lasciandoci tutti stremati e con la lingua di fuori. Dopo questa mia visione serena del prossimo futuro, direi che siamo pronti a parlare di condizionatori d’aria enlightened.
Per tutti coloro che non hanno un impianto di condizionamento in casa ma pensano di installarne uno, cercheremo di fare il punto della situazione sulle possibilità, opportunità ed elementi da considerare.

Cominciamo con una necessaria precisazione. Per preservare la temperatura interna della nostra casa, sia che si tratti del caldo in inverno che del fresco in estate, è fondamentale che l’edificio sia stato o venga realizzato con caratteristiche adeguate in termini di isolamento termico. Ricordiamo in tal senso che l’impiego di materiali isolanti nella realizzazione dell’esterno dell’edificio (il cappotto per esempio), del tetto, così come la presenza di infissi con doppi vetri e tapparelle per le finestre, giocano un ruolo fondamentale  nel rendere la nostra abitazione più o meno efficiente a livello energetico; ciò vuol dire che sarà più o meno agevole ottenere la temperatura desiderata e anche diversamente costoso in termini economici e di inquinamento. 
Se dunque i lavori sull’esterno possono essere piuttosto onerosi ricordate di fare per i vostri infissi sempre un’accurata manutenzione così da mantenerli il più a lungo possibile ben funzionanti. 

 

Detto questo vediamo brevemente cosa sono i condizionatori d’aria e come funzionano: 
 

Appartengono alla famiglia dei condizionatori d’aria sia le Pompe di Calore (delle quali ci occuperemo in dettaglio in un'altra occasione), capaci di emettere aria calda in inverno e aria fresca in estate che i Raffrescatori, ovvero gli apparecchi che emettono esclusivamente aria fredda. Sulla base delle vostre esigenze per prima cosa riflettete se sia più opportuna l’installazione di uno o dell’altro apparecchio. 
Per entrambe le soluzioni comunque si può optare per l’acquisto di elementi mobili o fissi in versione monoblocco o split.  

Vediamoli rapidamente insieme:
I Condizionatori Mobili sono caratterizzati da notevoli aspetti di praticità: 
•    sono portatili, quindi utilizzabili quando e dove ne sentite la necessità
•    non richiedono alcun lavoro di muratura e installazione
•    Esistono nella versione monoblocco sono caratterizzati da una sola unità contenente il compressore la ventola e il circuito frigorifero. Potete scegliere fra due tipologie entrambe collocabili fra i battenti socchiusi della finestra. In un caso il condizionatore è dotato di un unico tubo flessibile che trasporta l’aria e utilizza per rinfrescare la stessa aria presente nella stanza. Ha il limite di attirare l’aria calda degli ambienti circostanti non riuscendo spesso a garantire livelli di confort adeguati.
Nel secondo caso il condizionatore è dotato di due tubi flessibili e l’aria utilizzata è quella proveniente dall’esterno. In questo caso la riuscita è di gran lunga migliore.  Entrambi i modelli sono dotati di ruote per trasportarli.  La versione monoblocco poiché include in unico dispositivo anche il motore è piuttosto rumorosa. 
•    Nella versione Split, i condizionatori mobili hanno invece un’unità contenente il motore che viene collocata all’esterno dell’immobile e un’unità interna su ruote facilmente trasportabile da un ambiente all’altro. Richiedono comunque la presenza di una finestra che rimanga socchiusa per il passaggio dei tubi ma abbattono in maniera considerevole  il problema rumore presente nel monoblocco. 

 

I Condizionatori Fissi invece, come si evince dal nome, sono apparecchi che vengono installati a parete. Sono anch’essi presenti nella versione monoblocco (unità unica contente tutti gli apparati)  o split con unità esterna  per il motore. Richiedono lavori di muratura per il passaggio di cavi elettrici e tubature, previsti all’interno della parete, e la presenza di personale specializzato che ne curi l’installazione.
Sono però meno costosi dei condizionatori mobili, meno rumorosi e maggiormente efficienti.
L’unità interna potrà essere collocata a parete, a cassetta installabile sia a soffitto che a pavimento oppure a canalizzazione. 


Vediamo ora cosa dobbiamo ricordare e controllare quando acquistiamo un condizionatore d’aria: 
•    La classe energetica: scegliete senza dubbio quelli in classe A, riducono drasticamente i consumi, circa il 30% in meno rispetto a quelli in classe C per esempio
•    Accertatevi di acquistare un impianto correttamente dimensionato per il vostro ambiente. Attenzione, infatti i vostri condizionatori devono avere la giusta potenza (espressa in BTU o KW) in relazione all’ambiente che devono climatizzare. Un condizionatore sottodimensionato avrà prestazioni deludenti e consumi elevati. In tal senso a meno che non siate piuttosto esperti, affidatevi alla consulenza di un professionista.  La potenza ideale si calcola sulla base  del volume dell’ambiente da refrigerare, tenendo conto di alcune sue caratteristiche fisiche, come l’esposizione, il piano dell’appartamento e il livello di isolamento termico del locale. 
•    Verificate la presenza dei marchi di sicurezza e qualità
•    Ricordate che a maggiore potenza del condizionatore corrisponderà maggior consumo energetico, verificate la compatibilità con la capacità elettrica della vostra abitazione/ufficio (di norma 3 KW)
•    Attenzione ai fluidi refrigeranti presenti, controllate le diciture o rischiate di acquistare dispositive che a breve saranno fuori legge.  Ammessi l’ R134, l’R407C E R410A.
•    Prediligete la tecnologia inverter, ovvero la presenza del dispositivo che raggiunta la temperatura desiderata non blocca la macchina ma ne riduce il funzionamento garantendo una temperatura stabile e risparmio energetico. 
•    Prediligete il timer e il termostato digitale per programmare accensione e spegnimento dell’apparecchio. 

 

Infine signori usiamo i condizionatori d’aria con criterio, come diceva mia nonna, non congeliamo gli ambienti quando fuori c’è un caldo assassino, resistiamo a questa infernale tentazione devilche tanto danneggia la nostra salute e anche il portafoglio . Ricordiamo di tenere le finestre chiuse mentre sono in funzione i condizionatori e di spegnerli prima di andare a dormire. Attenzione inoltre, poi prometto che ho finito, effettuate con puntualità la manutenzione; normalmente nelle diverse tipologie di dispositivi i filtri sono facilmente raggiungibili, smontateli, lavateli con il detersivo e rimontateli una volta che sono ben asciutti. Fatevi indicare dal vostro installatore la cadenza con la quale effettuare questa operazione; nel caso in cui l’apparecchio che avete acquistato richieda interventi di manutenzione più articolati che non potete effettuare da soli, accordatevi per la manutenzione programmata in modo tale che l’igiene dell’apparecchio sia sempre garantita. 
 

Ho finito, l’avevo promesso!!!
Alla prossima smiley

 

Menù Rubriche

Tags

trasloco / sicurezza / serramenti / ristrutturazione interna / elettrodomestici / arredamento / giardinaggio / addobbi e fai da te / normative / idraulica / pulizie in casa / detrazioni / progettazione d'interni / pavimenti / tinteggiatura / lagrandeoccasione.it / eventi / impianti di condizionamento / design / impiantistica / pulizie in casa / serramenti / / consigli utili / promozioni /