Termo, Tapparelle e Veneziane ... Pulitissimi!

Scritto da Valeria in: Suggerimenti e consigli , Articoli recenti , Pulizie

Termo, Tapparelle e Veneziane ... Pulitissimi!

Eccoci tornati, rigenerati e forse anche un po’ ingrassati dopo le caloriche vacanze Pasquali.  Quest’anno abbiamo deciso con particolare ostinazione di dedicare la pausa lavorativa appena trascorsa al relax e al divertimento,  contravvenendo in maniera sfacciata alla regola delle Pulizie di Pasqua ….. così per sottolineare questa nostra presa di posizione controtendenza, oggi dedichiamo questo nostro spazio alle pulizie ed in particolare agli interventi più profondi quelli che noi tutti facciamo nelle nostre case solo ciclicamente. Ci occuperemo dunque della pulizia dei termosifoni, delle tapparelle e delle veneziane … mettiamoci a lavoro.

Partiamo dai Termosifoni … fondamentali alleati nelle giornate fredde d’inverno sono tuttavia incredibili catalizzatori di polvere. Sarebbe ottimale pulirli  almeno una volta al mese per evitare l’eccessivo accumulo di polvere e garantirne il perfetto funzionamento. Se nella vostra casa o nel vostro ufficio cono presenti ancora i termo in ghisa, avrete lo svantaggio di elementi più scanalati, quindi più brigosi da pulire, ma il vantaggio di un materiale più resistente, trattabile quindi con detergenti piuttosto aggressivi.  
Organizzatevi con aspirapolvere e/o compressore, scovolino, pennello morbido con manico lungo, bacinella, acqua, detergente sgrassatore, spugna, panno.   


La prima cosa da fare è eliminare la polvere che si è depositata sul vostro termosifone, per farlo nel modo ottimale prima di tutto mettete sotto il termosifone uno straccio umido che raccoglierà tutta la polvere che a breve andrete ad eliminare. Per questa operazione un compressore sarebbe assolutamente il top, il getto d’aria orientato sugli elementi interni ed esterni elimina con grande facilità la polvere depositata, ma se  non avete un compressore nessun problema, utilizzate il phon, orientando il getto d’aria nelle zone di vostro interesse; terminate quindi il lavoro con il tubo lungo dell’aspirapolvere, quindi con un pennello per le zone che non sarete riusciti a raggiungere. Ora che la polvere è stata eliminata, proteggete con un telo di plastica, va bene anche una busta grande aperta a metà, il  muro sul quale il termo è appoggiato e con una spugna non abrasiva lavate gli elementi del termo. Utilizzate per il lavaggio, acqua tiepida miscelata con uno sgrassatore, per le scanalature più scomode utilizzate lo scovolino avvolgendo la parte abrasiva con un panno liscio inumidito. Terminato il lavaggio asciugate con un panno. Se il vostro termosifone non è in ghisa ma in metallo attenzione al detergente sgrassatore da utilizzare, nulla di troppo aggressivo, la procedura per il resto è sempre la stessa. 
 

Passiamo ora alle Tapparelle o Avvolgibili. Vi servirà anche in questo caso, aspirapolvere, scopa, vaporizzatore, spugna, bacinella, acqua tiepida, detergente sgrassatore in soluzione con l’acqua. Come per i termosifoni la prima cosa da fare è riuscire ad eliminare nel modo più efficace la polvere depositata sulla superficie. Abbassate la tapparella fino in fondo ma lasciando le maglie abbastanza larghe, in modo da poter aspirare il più possibile anche al loro interno;  utilizzate il tubo lungo dell’aspirapolvere, se sono molto sporche nella parte esterna potrete prima passarci la scopa.      Una volta tolta la polvere, per chi ha un vaporizzatore potete utilizzarlo con il braccio lungo e lavare l’intera superficie in questo modo. Una volta utilizzato il vaporizzatore pulite il tutto con una spugna non abrasiva immersa in una miscela d’acqua e sapone sgrassante; cercate di  utilizzare un detergente non molto schiumoso o impiegherete un secolo a togliere la schiuma! Per coloro che non hanno il vaporizzatore passiamo direttamente al lavaggio con la spugna come sopra. Per asciugare è perfetta anche la carta da cucina. Per la parte esterna delle tapparelle non raggiungibili da balcone, aprite il cassone che le contiene e partendo dalle tapparelle completamente srotolate andate avanti un giro alla volta per pulirle completamente. Non utilizzate in questo caso il vaporizzatore, perché l’acqua sporca rischia di cadere sulle parti già pulite, ma con molta pazienza cercate di eliminare prima la polvere, poi lavate con una spugna, quindi asciugate. 
 

Coraggio siamo alle Veneziane …. Per una pulizia ottimale, riempite la vasca con acqua tiepida, aceto e bicarbonato, svolgetele completamente le tende quindi smontatele ed immergetele delicatamente nella vasca; lasciatele a mollo dalle 12 alle 24 ore a seconda dello sporco presente. Una volta passato il tempo previsto togliete dalla vasca, fatele asciugare, quindi riappendetele. Se non avete la vasca, o non volete cimentarvi nello smonto/rimonto, svolgete interamente le veneziane, quindi pulite, prima con un panno asciutto, poi con una spugna bagnata, tutte le strisce una per una, infine asciugatele con un panno morbido. 
So cosa state pensando … in tutti e tre i casi si tratta di un esercizio di pazienza non indifferente …  si è vero,  però ricordate che sono quei lavori “brigosi” e  “noiosi” che una volta fatti vi daranno una gran soddisfazione, regaleranno al vostro ambiente un senso di pulito inaspettato e specialmente avrete almeno 1 mese di tempo prima di pensarci ancora!

 

Ciaooo

 

Menù Rubriche

Tags

trasloco / sicurezza / serramenti / ristrutturazione interna / elettrodomestici / arredamento / giardinaggio / addobbi e fai da te / normative / idraulica / pulizie in casa / detrazioni / progettazione d'interni / pavimenti / tinteggiatura / lagrandeoccasione.it / eventi / impianti di condizionamento / design / impiantistica / pulizie in casa / serramenti / / consigli utili / promozioni /